Homepage

L’atmosfera di una vera casa di campagna. Il senso dell’ospitalità. Gli ambienti  semplici ed accoglienti.

Telefonate per informazioni 3487062581 oppure 3398975702 (WhatsApp).

 

Cosa vedere

L’antichissima città di Sutri rappresenta una delle mete più suggestive della Tuscia.

Il borgo è arroccato su di uno sperone tufaceo, e, venendo da Roma, appare subito dopo una curva, con le sue torri e con i resti della cinta muraria medioevale, e circondato dal verde.

Il centro storico, racchiuso fra antiche porte, è caratterizzato da piazzette, fontane e chiese.

La Piazza del Comune è molto bella e la sua immagine è stata immortalata in pubblicità, fiction e film.

Nell’edificio dell’ex-Ospedale, accanto alla Biblioteca, ha sede dal 1998 il Museo del Patrimonium, dove sono custoditi sculture, sarcofagi e incunaboli.

Il simbolo della cittadina è uno splendido anfiteatro, la cui particolarità è di non essere stato edificato ma interamente scavato a mano in un banco di tufo. Ciclicamente, ospita concerti e rappresentazioni teatrali ed è il fulcro dei festeggiamenti in occasione della patrona, Santa Dolcissima, il 17 settembre. È infatti nell’anfiteatro che si riunisce la popolazione per ammirare i fuochi d’artificio che vengono lanciati dal soprastante Parco di Villa Savorelli.

Nel Parco regionale all’interno del quale si trova l’anfiteatro, si trovano anche una serie di tombe etrusche -dove nel periodo natalizio viene rappresentato il Presepe vivente- ed il Mitreo -tomba etrusca dapprima, tempio pagano dedicato al dio Mitra poi, infine chiesa cristiana dedicata dapprima a S. Michele Arcangelo, e poi alla Madonna con il Bambino (S. Maria del Parto).

 

Secondo la leggenda, a fondare Sutri sarebbe stato  il Dio Saturno, ed infatti, nelle stemma sutrino, compare  il dio a cavallo con un fascio di spighe  in mano che simboleggiano la fertilità di queste terre.

Dal 2003, Sutri è  “Bandiera Arancione”,  riconoscimento di qualità turistica e ambientale del Touring Club Italia.

 

immagini tratte dal web 

Chi siamo

 

Scopri cosa ci rende unici

La struttura era in origine l’ingresso di un’azienda agricola ed aveva due torrette a delimitare il varco d’accesso, da qui il nome Le Torrette.
Oggi è presente una sola torretta, all’interno della quale si trova la camera più grande.

Il B&B dispone di tre camere, ognuna con bagno privato.
Gli ambienti sono intimi ed accoglienti, arredati con gusto e lo spazio all’esterno è attrezzato per i tuoi momenti di relax.
Lo spazio esterno, dove è anche possibile parcheggiare la propria vettura, conta diversi alberi secolari.

La struttura è adiacente un importante centro residenziale, dotato di bar, ristorante e campi sportivi.

La sua posizione è baricentrica per chi voglia praticare sport quali tennis, golf, equitazione o canoa oppure dedicarsi all’escursionismo lungo i sentieri della Riserva Naturale del Lago di Vico.

Base ideale per le visite in città d’arte come Viterbo e Roma, per itinerari archeologici lungo le rovine etrusche o per trascorrere giornate all’insegna del relax alle Terme (Viterbo).

 

Blog